Nonostante le pessime performance immobiliari che si registrano da oltre un anno in tutta italia, qualcuno vede già la fine del tunnel. si tratta delle previsioni del cresme, il centro ricerche specializzato nelle costruzioni, secondo cui a roma la correzione dei prezzi iniziata nel 2008 è finita e dalla seconda metà del 2013 ripartiranno le compravendite

nello studio dedicato al mercato romano il cresme riconosce una discesa dei prezzi del 25% dal 2008 ad oggi. nella capitale, tuttavia, ci sarebbero tre motivi per dire che è stato toccato il fondo:

1. la domanda di abitazioni resta altissima nella capitale, con delle stime di circa 145.000 alloggi

2. la discesa dei prezzi accumulata favorirà una riattivazione rapida delle compravendite, in quanto molti potenziali acquirenti stanno aspettato il momento migliore per acquistare un immobile. secondo il cresme, a roma quel momento è arrivato

3.  l’estinzione dei mutui contratti in passato. tra il 2008 e il 2015 si liberano in tutta italia 9,8 miliardi di euro di mutui di crediti e tra il 2016 e il 20121 altri 5,16 miliardi